TUTTO SUI FUNGHI! Cosa fare per mangiarli in tutta SICUREZZA?

Il re indiscusso della tavola autunnale è il fungo!

E’ un alimento composto per la maggior parte di acqua e proprio per questo ipocalorico e adatto a chi sta seguendo delle diete dimagranti. Contiene vari minerali e proteine a seconda della specie di fungo che raccogliamo. Sicuramente fonte di vitamine quali la B e la D.

Purtroppo i funghi sono più famosi per essere poco digeribili e addirittura in ambiente se ne trovano di  tossici o peggio ancora velenosi e mortali.

Bisogna quindi conoscere bene la propria preda per chi è amante di raccogliere funghi!

Nella loro preparazione è consigliata la cottura per evitare possibili rischi di contaminazione batterica e migliorarne la digeribilità,

Evitare di conservarli in contenitori di alluminio o rame, per scongiurare lo sviluppo di sostanze o composti tossici, che possono essere prodotti dal contatto del fungo con questi metalli. Meglio conservarli nella terracotta o nel vetro.

Ecco i consigli del Ministero della Salute:

  1. Meglio consumarli sempre cotti per aumentarne la digeribilità
  2. La presenza della chitina rende i funghi particolarmente indigesti…. Andrebbero quindi evitati laddove ci siano problemi di difficoltà digestive, nella persone anziane, o nei bambini al di sotto dei 10 anni. Meglio evitarli anche in gravidanza e allattamento.
  3. Evitare il consumo di funghi raccolti in zone industriali o molto inquinate, in quanto sono organismi che fungono da spugna delle varie sostanze presenti nel sottosuolo o nell’aria dove crescono.
  4. Prima di congelarli, meglio sbollentarli in acqua e asciugarli con cura per ridurre al minimo la presenza di batteri e non alternarne il gusto una volta che li scongeliamo.
  5. L’odore del fungo deve essere gradevole o nullo quando lo si va a raccogliere. Se comincia a produrre un odore di fermentazione, andrebbe buttato.
  6. In frigo si conservano per un paio di giorni, mentre se li cuociamo possono essere riscaldati.
  7. Se si dovessero avvertire sintomi, quali nausea, vomito o diarrea dopo aver mangiato funghi, rivolgersi immediatamente al pronto soccorso!

 

Detto ciò, i funghi rimangono uno dei miei alimenti preferiti, sia da soli, che sui risotti o pasta..

Non potrei mai farne a meno, sia nell’andare a raccoglierli (è uno dei miei passatempi prederiti) che nel mangiarli!

L’importante è essere sicuri della qualità del fungo, e piuttosto chiedere consiglio a qualche  amico esperto!

Buon autunno! Da NUTRYTOO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *